Monthly Archives: gennaio 2010

About first memories

Pescara, esterno notte… E’ il 6 Dicembre… La banchina della stazione, il nostro primo bacio.. Se mi chiedono qual’è la prima cosa che mi viene in mente pensando alla nostra relazione; è proprio questa… E poi le nostre telefonate chilometriche, le nostre passeggiate mano nella mano, il nostro capodanno teramano, il concerto in piazza salotto…


Ne parlavo proprio ieri con una mia cara amica; col tempo, i brutti ricordi vengono spazzati via; come un pugno di sabbia stretto in una mano in una giornata ventosa… E rimangono quelli stupendi; dolci, quasi magici…


Son passati più di 9 anni, ormai le nostre strade si sono divise da lungo, lunghissimo tempo… Ognuno ha la sua vita, il suo lavoro… Ma i ricordi; quelli rimangono e rimarranno sempre… Perchè la nostra è stata una storia importante; coinvolgente; potente!


Un giorno tu mi dissi che non mi avresti mai dimenticato; che il primo amore non si dimentica; Che avrei sempre avuto un posto nella tua memoria.. E così sarà per me; perchè anche se non sei stata la prima; ogni amore è come il primo per me; perchè diverso, particolare, speciale a suo modo…

2 Comments

Filed under love, Tales, Thoughts

My games

Sono passati quasi 4 anni ma ogni volta che sento la parola Olimpiadi mi vengono in mente Torino2006 e il Sestriere… Sì perchè io ero lì; come volontario. E’ stata una cosa decisa quasi al’ultimo; l’iscrizione al sito, il contatto del mio referente, il colloquio in inglese rapido e indolore… E la lettera arrivata così, senza che ci credessi troppo.. Ed è stata un’avventura meravigliosa; il viaggio a Torino, la consegna delle divise e degli accrediti al Lingotto; la scoperta di quella bellissima venue che è stata il Sestiere; il ritorno a Torino per la cerimonia d’apertura e i colleghi.. Coloro che sono stati artefici di giorni meravigliosi, di notti stupende, compagni affidabili di turni di lavoro stressanti; grandi amici di mangiate e bevute… Ed è stato bello poterli abbracciare il giorno della mia partenza, potergli dire quanto siano stati preziosi; quanto sia stato bello lavorare con loro… E ancora ricordo la carnagione pallida di Ester, gli occhi verdissimi di Ana, i baci di Sandra, il grande aiuto di Loris, gli snowboard di Kirk (un australiano più pazzo non l’ho mai conosciuto), le bevute con Joanne e Athos, l’inseparabile “coperta di Linus” di Alessandra.. E’ stata una delle più belle avventure della mia vita, 18 giorni di freddo, bevute, sesso, sci, lavoro ma anche divertimento… E difficilmente mi scorderò di ognuno di loro :)


lettera

1 Comment

Filed under Friends, Fun

Smile

E’ dal primo di Gennaio che ho il sorriso stampato in faccia..  😀

2 Comments

Filed under Friends, Fun, Health

That night

Dopo quella notte ho avuto il tuo profumo addosso per giorni… E’ una sensazione nuova; che mi piace da morire… E anche se ti ho tenuta tra le braccia solo quella notte so che non mi scorderò facilmente di questa esperienza.. Perchè sei una persona magnifica e hai lasciato un segno nella mia vita…

1 Comment

Filed under Friends, Thoughts

Darkness

Giunge l’ora segnata
della veglia e del sonno…
Benedetto sia anche
il giorno degli affanni…
Benedetto sia
il giungere della tenebra!

Leave a Comment

Filed under Songs, Tales

The post war father

Sono le 3 passate… Sto ascoltando il CD di Davide… Era da un po’ che non lo facevo.. Come sempre la mente corre a lui, a Londra, a Claudio che lo accompagna, alla sue chitarre, ai concerti al Marlin.. Ho riscoperto una canzone che ho ascoltato meglio.. “The post war father” appunto.. Parla di un uomo nato durante la guerra, dopo questa vissuto in una città in rovina per i bombardamenti. Quest’uomo ha sempre cercato la sua strada, il suo modo per essere un uomo libero, amando una donna, facendo 5 figli sinchè l’ultimo nato…


Now my last-born has gone
He’s moved somewhere
Over the sea
He sent me a letter today
Saying I’ll always
Carry you with me

And the days run away
And my friends run away
And the days run away
Now my son’s gone away
His night shines like day
I know he’s found his way
To be free

Credo che sia una delle storie più belle che abbia mai sentito, anche perchè credo l’abbia scritta per suo padre… E l’ultimogenito è proprio lui che ha scelto di lasciare Cagliari, la Sardegna, gli amici e le comodità per inseguire il suo sogno: suonare!! Ed è riuscito a trovare la strada per raggiungere la sua libertà!!! Grazie Davide, con questa canzone mi hai insegnato che non devo tarpare le mie ali e correre per i miei sogni!!!

1 Comment

Filed under Friends, home, Songs, Summer