Category Archives: Friends

my friend

Vedi amico mio, la vita a volte è strana: son passati così tanti anni che non dovrei neanche ricordarmene, ed invece son qui a pensare a te. Ti ricordi quando mi dicevi che quella dovevo lasciarla stare perché meritavo di meglio; o quando mi spingevi verso quell’altra che, a detta tua, era perfetta? O quando a 16 anni, con la vespa, raggiungevamo le ragazze; o ancora le nostre lunghissime chiacchierate in giardino da te. Sai, in quei pochi anni di amicizia ho imparato tanto da te, non solo da quel punto di vista: ho imparato che non importa quanto sia lontano un sogno, posso almeno provarci! Ho imparato che nessuno mi può cambiare; e che se ci provano son loro che sbagliano. Mi hai insegnato che, in amore, correre troppo è deleterio e si combinano solo casini. Mi hai fatto capire che la distanza, se ci si vuol bene, s’appiattisce. Un amico così è difficile da trovare e tenere stretto; ritrovare e ricominciare. Sai Cri, la vita a volte è strana, soprattutto quando finisce così, da un momento all’altro, sul ciglio di una strada.

Leave a Comment

Filed under Friends

That fuckin’ night

Oggi sarebbe stato il tuo compleanno…. Oggi avresti compiuto 36 anni… Domani andrò a sedermi davanti alla tua lapide, fumerò una sigaretta, farò una chiacchierata con te come ai vecchi tempi, cercando di renderti orgoglioso dei miei traguardi… Una serata alcolica di 19 anni fa, troppo alcolica, una macchina lanciata troppo veloce su una curva, una ringhiera, l’impatto. I ricordi di quei giorni sono ormai affievoliti ma è ancora forte in me il rancore verso chi guidava, ma soprattutto la nostalgia di un grande amico, che c’era sempre e che, un passo alla volta, mi ha fatto capire molto della vita… Non dimenticherò mai le ultime parole che ci siamo detti: “ci vediamo domani”; ecco, quel domani che non è mai arrivato… In questi 19 anni mi sei mancato spesso Christian, tanta acqua è passata sotto i ponti, sono cresciuto, cambiato, tanto è successo nella mia vita, ma l’importante è non dimenticare… 

Leave a Comment

Filed under Friends

To my friend

E come se ti fossi liberata di un incubo, volti pagina. Anni tristi sempre uguali, una persona quasi sconosciuta al tuo fianco.

Ma ora sorridi alla libertà, una vita nuova ti attende, nuove storie da scrivere, nuovi voli, nuove sfide.

So che ce la farai; sei forte, determinata e hai un sogno.

Levo il calice, brindo a te, alla mia amica…

Leave a Comment

Filed under Friends

4 years

Il 10 Agosto significa tanto per me, lo ha sempre fatto… A cominciare da butti ricordi, storie finite, morti, ma anche magnifici sogni, stelle, colori e sensazioni.

E una volta di più, un anno in più; questa data significa l’inizio di questa avventura, di questo luogo virtuale dove tutto è vita; la mia vita.

Four years, four years of blogging… Quattro anni, questo blog compie quattro anni sì: quattro anni di me, della mia vita, di tante tante altre cose che girano intorno ad essa… E di voi! Sì, perchè voi siete stati la parte importante della mia vita, ciò che mi ha fatto diventare quello che sono, anche solo con un sorriso, un abbraccio o una parola di conforto, siete voi che mi avete guidato, sino a farmi diventare un uomo.

Un uomo che si accolla le proprie responsabilità e che fa scelte che dureranno una vita; grazie ai consigli delle persone che ho scelto di avere accanto… Quindi brindo a questo blog, ai momenti passati a scriverci e curarlo; a me, alla mia vita e a voi, che vorrei che faceste qualcosa per me: prendetevi un attimo; fermatevi e pensate… Pensate a me, prendete un calice e  brindate con me… Bevete un sorso, tornate a pensare, sorridete con me; poi lasciatemi un commento con la prima cosa che vi è venuta in mente pensandomi.

Sarà una bellissima occasione per sorridere insieme e sentirò arrivare le vibrazioni dei vostri pensieri.

E allora alziamo i calici, i boccali, i bicchieri; qualsiasi cosa abbiate; e brindiamo insieme a questo blog e a noi…

Auguri ragazzi! :)

3 Comments

Filed under Friends, Fun

disenchanted

A volte penso a tutte quelle persone mi ha fatto soffrire… E negli ultimi anni ce se sono state tante: in famiglia come nel lavoro, in amore come tra le amicizie… Ma più ci penso e più mi convinco che in fondo posso benissimo fare a meno di certe persone e che in fondo la legge del taglione per certi individui è ben poca cosa… A cominciare dalla parte “milanese” della mia famiglia, che ha fatto di tutto perché io tagliassi i ponti… Ed è proprio vero che le parole son pugnali, quelle dette come quelle taciute, ti bruciano dentro sino a corroderti… Un genitore non dovrebbe mai e poi mai arrivare ad usare certe frasi con i propri figli, non dovrebbero mai fratelli e sorelle schierarsi da una parte o dall’altra, difendere a spada tratta certi attegiamenti senza voler neanche stare a sentire le ragioni avverse… Nel lavoro, quanti soprusi ho dovuto patire: quando si lavorava in nero, quando ti pagavano poco e con ritardo per mansioni frustranti, quando ti passavano a fare lavori degradanti spacciando questi come promozioni… Quando i contratti erano ridicoli o persino quando tu, preso dall’euforia volevi imparare, e le tue ali venivano tarpate con scuse banali e patetiche solo per avere il controllo sulla tua vita… In quest’Italia così laida dove un lavoro è spesso visto come una manna dal cielo e i datori di lavoro vogliono spremere la gente come un limone, salvo poi buttarla via quando si può avere qualche schiavetto nuovo da sfruttare… In amicizia la cosa non è molto diversa: quante compagnie di amici svanite nel nulla, che si rifacevano vive solo quando la ragazza li aveva mollati, quando gli serviva qualcosa.. E allora la macchina con la quale uscire era sempre la mia, la casa al mare sempre la mia, mai che fossero generosi e mi abbiano pagato da bere… Gente che mandava sms per farsi richiamare, che usava scuse puerili per giustificare stronzate colossali… Ci ho messo un po’, ma ho riconosciuto tra la feccia gli amici veri e sinceri che so mi resteranno a fianco per una vita.. Cosa che non mi è purtroppo riuscita in amore… So bene di avere un carattere difficile ma in un rapporto ho sempre dato il cento per cento… Ed è quello che mi sarei aspettato dalle mie compagne… Cosa che evidentemente non è mai avvenuta… Lasciando da parte i tradimenti, ho incontrato spesso gente che non sapeva mantenere un rapporto, vivere o pensare in coppia come se si fosse un tutt’uno… Persone che alla prima difficoltà si chiudevano a riccio, non volendo affrontare i problemi in due… La coppia dovrebbe essere un sollievo; offrire la propria spalla al partner non solo come consolazione ma per dividere e sopportare insieme quello che la vita porta ad affrontare.. La coppia è sempre stata per me una sorta di condivisione: nei momenti spettacolari come in quelli catastrofici… Ci sono state persone così nella mia vita (poche a dir la verità) ma in quelle rare volte mi son sentito finalmente realizzato e completo… E allora, come ho già scritto tante e tante volte, mi costruisco muri, ogni volta sempre più alti e resistenti; cosicchè anche l’affezione risulti meno dolorosa… Una sola volta ho lasciato cadere quel muro, subito dopo la delusione con Roberta, e me ne sono pentito… E allora il muro rimarrà li, chissà ancora per quanto, perché in 34 anni ho vissuto cose che il mio cuore a stento ha retto, incrinandosi, ma andando avanti, sempre… E quello di smettere di soffrire vorrebbe essere il proposito per il nuovo anno; un anno che mi permetta finalmente di riprendere in mano i fili della mia vita e di andare avanti con meno illusioni e sentimenti non più solamente abbozzati…

Leave a Comment

Filed under Friends, life, love

A new life

Poco meno di 48 ore fa ho visto nascere una nuova vita… Ed è quella del primo figlio di Michele, il mio migliore amico. Lo conosco da tempo immemore, diciotto anni della mia vita; eravamo entrambi adolescenti. E tante tante cose abbiamo passato insieme. L’università, le marce, le vacanze, gli scazzi, le ubriacature, gli amori, la ricerca del lavoro… E oggi, a due giorni di distanza, in ristorante dove abbiamo festeggiato io ed il neo papà.. E’ come se fossi diventato zio, ed é una gran soddisfazione visto che io ed il neo papà siam cresciuti insieme.. 18 anni di amicizia e sembra ieri.. A due anni dal suo matrimonio, quando sono stato accanto a lui all’altare, oggi è l’inizio di un nuovo capitolo… Alzo il calice al nuovo arrivato.. Auguri Francesco!

2 Comments

Filed under Friends