Tag Archives: mare

no mistakes

La casa ridiventa silenziosa, sparisce anche il rumore di fondo; e con questo anche qualche speranza e troppi problemi… Rimane solo un odore di mare e vino bianco, passato quello sarà tutto più difficile… Questi ultimi pochi giorni passati con una persona speciale mi hanno fatto rivalutare diverse situazioni, rivedere priorità, aprire gli occhi su tante cose. Ora ho più consapevolezza e, anche se le cose non sono andate come veramente sperassi, sono sicuro che la prossima volta non potrò sbagliare… La strada è già stata percorsa, un pezzetto di muro già abbattuto.

Leave a Comment

Filed under life

thinkin’

Seduto qui, nella mia stanza; il letto disfatto, un posacenere pieno, la luce fioca del pc acceso… Un altro giorno è andato, lento, inutile, svogliato. Quando sei solo inizi a pensare e sai che pensare fa male in certi stati. L’estate sta iniziando, qui è sempre una stagione magnifica: un’atmosfera magica la sera; la spiaggia, il mare, i chioschi, le gente. Se poi c’è luna piena, come oggi, questa diventa una perfetta compagna. E ti immagini a passeggiare in riva al mare, quel mare tanto bello, tanto forte ma anche così crudele. Crudele sì, perché amplifica la distanza su tutto: amici, amori, ricordi, persone. A volte può essere anche un bene: certi ricordi arrivano ad essere frustranti, certi amori addirittura dolorosi. E un’altra volta mi ritroverò su quella riva, davanti a quelle onde potenti a pensare alle persone che ne stanno oltre; sperando che almeno il sibilo del mio pensiero possa produrre un sorriso nei loro visi…

Leave a Comment

Filed under life, Thoughts

Working @ night

Lavorare la notte ti da la possibilità di accorgerti di qualcosa che, con la luce del giorno, il tran tran, le altre persone, i rumori;  molto spesso perdi…


Gli odori forti del mare e dell’erba che si abbracciano; le luci calde e fioche che sembrano lucciole; i luoghi che cambiano radicalmente modo di essere e, quasi a stento si riconoscono…


Ed io, creatura notturna, godo di queste nuove sfaccettature che un luogo del genere non sembra in grado di avere…


Ma la bellezza di questa terra che mi ha prima ospitato, poi accolto ed adottato come un figliol prodigo, mi accarezza e io, quasi morbosamente succhio da lei tutto ciò che riesce a trasmettermi…

Leave a Comment

Filed under home